Caricamento immagini....
Get Adobe Flash player

Niente discriminazioni, facciamo parte del Popolo della Libertà.

Roma, 22 ottobre 2014. Il Senatore Antonio Razzi, in riferimento all’increscioso episodio che ha visto il sig. Aliano consigliere comunale di Montesilvano (PE) comunità di 54.000 anime tra cui tanti romeni, protagonista di dichiarazioni dal contenuto offensivo nei riguardi  di questi ultimi, ha espresso il suo disappunto dichiarando: ” chi fa parte del Popolo della Libertà, così come il nostro Presidente Berlusconi ha inteso definire l’area politica nella quale stazionano i democratici per eccellenza, non deve permettersi di abbandonarsi a manifestazioni di intolleranza nei riguardi di chicchessia”. Il Senatore Razzi ha incassato le doglianze dell’ambasciatrice in Italia signora Dana Constantinescu alla quale ha offerto le sue scuse personali. “Chi pensa in questo modo non trova accoglienza in Forza Italia, noi siamo per il pluralismo e per l’accoglienza, di certo peroriamo il rispetto e la solidarietà preferendo il confronto. Farebbe bene il sig. Aliano a dimettersi immediatamente, ha concluso il senatore Razzi.

Interrogazione a proposito della discarica di Bussi (PE) i cui danni all’ambiente sono incalcolabili

Roma, 16 ottobre 2014. Il senatore Razzi ha presentato una interrogazione al Ministro dell’Ambiente chiedendo quali orientamenti intenda adottare, in riferimento a quanto esposto in merito al disastro ambientale della discarica di Bussi e, conseguentemente, quali iniziative voglia intraprendere, nell’ambito delle proprie competenze, per porre rimedio all’annosa e gravosa questione della discarica dei veleni. Il territorio abruzzese ha dichiarato il senatore di Forza Italia, vede, senza soluzione di continuità dal 2007 ad oggi, il perpetrarsi di inquinamenti gravissimi che affliggono l’Abruzzo.

INTERROGAZIONE

RAZZI- Al Ministro dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare.

Premesso che

La lingua dei segni-LIS non è un mero linguaggio mimico/gestuale

Roma, 8 ottobre 2014. Il senatore Antonio Razzi ha presentato una interrogazione al Presidente del Consiglio dei Ministri e al Ministro dell’Interno per sollevare una questione di fondamentale importanza. La Lingua dei segni LIS, allo stato attuale, è un argomento ignorato e trascurato dalle istituzioni con colpa grave perch é il target di destinazione è assai sensibile. Il senatore di Forza Italia chiede al Presidente del Consiglio dei Ministri e al Ministro dell’Interno se non ritengano opportuno attuare quanto disposto dalla Convenzione ONU sopraccitata e ratificata dall’Italia con Legge 3 marzo 2009, n.18, in riferimento alla Lingua dei Segni.

INTERROGAZIONE

Interrogazione: Mutui e tassi di interesse

Roma, 2 ottobre 2014. Il senatore Antonio Razzi ha presentato una interrogazione al Ministro dell’Economia e delle Finanze per chiedere se per le aperture di credito in conto corrente assistite da garanzia reali sia da applicare la percentuale indicata per le aperture di credito in conto corrente o quella indicata per i mutui.

INTERROGAZIONE

RAZZI- Al Ministro dell’Economia e delle Finanze.

Premesso che:

–        il comma 2 dell’articolo 2 della legge n. 108 del 7 marzo 1996 prevede che ” La classificazione delle operazioni per categorie omogenee, tenuto conto della natura, dell’oggetto, dell’importo, della durata, dei rischi e delle garanzie è effettuata annualmente con decreto del Ministro del Tesoro, sentiti la Banca d’Italia e l’Ufficio Italiano dei Cambi e pubblicata senza ritardo nella Gazzetta Ufficiale.”;

Felicitazioni al nuovo vice presidente del CSM on. Giovanni Legnini

Roma, 30 settembre 2014. I miei auguri sinceri per la nomina a vice presidente del CSM all’on. Giovanni Legnini. Questa la dichiarazione del senatore Razzi, un abruzzese che merita l’alto riconoscimento conferitogli.

Per la tutela l’Area Marina Protetta Torre del Cerrano

Roma, 24 settembre 2014. Il senatore Antonio Razzi ha presentato una interrogazione al Ministro dello Sviluppo Economico ed al ministro per l’Ambiente al fine di porre questioni di importanza cruciale per la tutela dell’Area Marina Protetta Torre del Cerrano. La fondata preoccupazione del senatore di Forza Italia si basa su notizie circa una prossima attività estrattiva da parte della Società “Enel Longanesi Developpement” a largo della costa compresa tra Pescara ed Alba Adriatica. Una tale attività risulterebbe purtroppo infausta e penalizzerebbe gli sforzi profusi dal Ministero dell’Ambiente, dalla Regione Abruzzo e dai comuni di Pineto e di Silvi per garantire lo sviluppo turistico dell’intera Regione. Considerando che la costa abruzzese è già stata, negli anni passati, “invasa” da varie piattaforme per la trivellazione che hanno ampiamente deturpato il paesaggio naturale, il senatore Razzi, interroga i ministri in parola chiedendo di intervenire e porre freno al progetto.

La Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo ‘ha dichiarato ammissibile’ uno dei ricorsi presentati dalla difesa di Silvio Berlusconi contro la condanna per il caso Mediaset

Roma, 22 settembre 2014. Quanto tempo ancora dovrà penare Silvio Berlusconi? Esiste Giustizia Divina e deve esistere anche quella terrena. L’ammissibilità su uno dei ricorsi presentati dalla difesa di Silvio Berlusconi contro la condanna per il caso Mediaset, è solo il primo passo. Queste le dichiarazioni del senatore Antonio Razzi. Violazione delle regole sul “giusto processo”, ha continuato, è il massimo che non si può sentire in un paese civile e di diritto come il nostro. A causa di queste violazioni Silvio Berlusconi sta scontando un anno di pena con l’affidamento in prova ai servizi sociali, che prevede, tra le altre cose, quattro ore a settimana di assistenza agli anziani nell’istituto ‘Sacra Famiglia’ di Cesano Boscone. E’ chiaro che dovrà essere riabilitato, ma, ha concluso Razzi, chi gli ridarà la reputazione violata e le ripercussioni negative che si sono ritorte contro il suo partito?

Continuano le speculazioni di bassa lega dei giornalisti italiani sulla visita Nord Coreana in Italia.

Roma, 18 settembre 2014. Le morbose curiosità di giornalisti di bassa lega, si orientano solo ed esclusivamente alla ricerca della notizia scandalo ed al gossip. Questo lo sfogo del Senatore Razzi a proposito delle reazioni della stampa nazionale in occasione della visita della delegazione Nord Coreana in Italia. Qui nessuno ha compreso, ha continuato Razzi, che il taglio del colloquio con le autorità Nord Coreane è stato squisitamente politico i cui risvolti economici potrebbero rivelarsi inaspettati. Non occorre certo la palla di cristallo, ha concluso, per comprendere una riluttanza di fondo e preconcetta a monte, nel considerare l’avvicinamento della Corea del Nord all’Italia come una prospettiva e non una minaccia. Come invece era prevedibile, la stampa italiana si adegua al provincialismo della nostra politica becera, bigotta e falsamente clericale.

La delegazione Nord-Coreana a Roma ha segnato una data importante nei rapporti economici con il nostro paese

Roma, 16 settembre 2014. Una delegazione Nord-Coreana guidata dal Signor Kang Sok Ju Membro del Politburo nonché Segretario per le Relazioni Internazionali del Comitato Centrale del Partito del Lavoro di Corea, deputato dell’Assemblea Popolare Suprema, è stata ricevuta dal Senatore Antonio Razzi. Alle 11.00, Il vice presidente del Senato Senatore Maurizio Gasparri si è intrattenuto con la delegazione prendendo atto del taglio prettamente politico che i Nord coreani hanno inteso dare alla loro visita in Italia. Fondamentalmente il signor Kang Sok Ju ha tenuto a sottolineare che il governo del suo paese stigmatizza questa visita come l’inizio di un nuovo ciclo di relazioni con l’Italia soprattutto dal punto di vista economico. Questa la sintesi del discorso durato 40 minuti del capo delegazione al  quale ha prestato la massima attenzione il senatore Gasparri ricambiando la disponibilità dell’Italia in ottemperanza, come è ovvio, agli accordi internazionali già sottoscritti in ambito europeo e mondiale. A conclusione, dopo una breve visita agli ambienti del Senato ed all’Aula, la delegazione è stata ricevuta dal Presidente della Commissione Giustizia del Senato Senatore Francesco Nitto Palma. Quest’ultimo, nell’affabilità dell’accoglienza, si è profuso in un’ampia spiegazione del funzionamento della Commissione Giustizia mostrando, di parte sua, un grande interesse per l’inusitato incontro. Ai saluti ed alle foto ricordo, il Presidente Nitto Palma, ha ritenuto fare dono al signor Kang Sok Ju di una targa d’argento raffigurante Palazzo madama. “Devo ringraziare di vero cuore, ha dichiarato il senatore Antonio Razzi,  il Vice Presidente del Senato Senatore Maurizio Gasparri ed il Presidente della Commissione Giustizia del Senato Senatore Francesco Nitto Palma per aver dato la propria disponibilità ad incontrare la delegazione Nord Coreana e di aver compreso di quale portata possa essere il futuro diplomatico tra la Corea del Nord e l’Italia.

Slideshow
Youtube Channel