LE MIE MANI PULITE

Antonio Razzi nasce a Giuliano Teatino (CH) il 22 febbraio 1948. Nel 1965 lascia l’Abruzzo emigrando
in Svizzera a soli diciassette anni, lontano dalla madre e dal padre, ed incomincia la sua attività lavorativa ad Emmenbrücke presso la “Viscosuisse” (fabbrica produttrice di filati per uso industriale), attualmente chiamata “Tersuisse Multifils SA” (Ferrari). Egli dimostra subito le sue attitudini organizzative e manageriali, tanto che si ritrova a soli ventidue anni alla guida di gruppi consistenti di operai per passare poi nel reparto di ricerca e sviluppo, attualmente in ufficio d’amministrazione.

Le_mie_mani_pulite

Nel 1977 è socio fondatore del Centro Regionale Abruzzese di Lucerna, nel quale, nel corso degli anni, ricopre diverse cariche, divenendone Presidente dal 1985 fino al 2007. Grazie al suo lavoro ed alle sue numerosissime conoscenze, il Centro Regionale Abruzzese di Lucerna conta oggi quattrocento famiglie con oltre mille iscritti. Negli anni 1990-1992 ha approfondito le sue conoscenze, studiando da privatista come ragioniere in un Istituto di Roma. Nel 1994 gli è stata concessa dal Presidente della Repubblica Italiana l’alta onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al merito. Dall’ottobre del 1999 ricopre la carica di presidente della F.E.A.S. “Federazione Emigrati Abruzzesi in Svizzera”. Carica che ha ricoperto fino ad aprile 2010. La Federazione è composta da quattordici associazioni in rappresentanza di circa ventisettemila abruzzesi, ed è membro della Consulta Regionale (C.R.A.M.). Dal 2000 fino ad oggi responsabile Estero dell’Italia dei Valori, lista Di Pietro. Nell’aprile 2005 candidato come consigliere alla Regione Abruzzo. Nell’aprile 2006 eletto Deputato alla Camera per l’Italia dei Valori nella circoscrizione Europa. Entra come capogruppo nella Commissione Politiche Comunitarie Europee sostituisce Di Pietro nella Commissione Cultura. Membro dell’esecutivo dell’Unione Interparlamentare, viene nominato Presidente della sezione di amicizia Italia – Svizzera. Viene inviato dall’Unione interparlamentare in diverse missioni internazionali. Il 3 maggio del 2007 la TSI, Televisione svizzera italiana, realizza un documentario sulla vita di Antonio Razzi, dal titolo “Onorevole operaio”, regia di Ruben Rossello.

Nell’aprile 2008 viene eletto per la seconda volta Deputato alla Camera per il gruppo parlamentare dell’Italia dei Valori nella circoscrizione Estero – Europa. Dal 22 maggio 2008 diventa segretario della XIV commissione (politiche dell’Unione Europea). Presenta come primo firmatario diverse Proposte di legge, ventisette interrogazioni a risposta scritta, quattordici Ordini del giorno su P.D.L. un Ordine del giorno su P.D.L. di Bilancio e quindici Ordini del giorno in Commissione. Il 16 febbraio 2010 durante il Question-time presenta in Assemblea una interrogazione a risposta immediata, in relazione alle ispezioni presso le sedi estere dei patronati, con particolare riferimento a quello Inca di Zurigo. Dal 23 aprile 2008 ricopre la carica di Vice Presidente dell’IDV per l’Unione italiana Interparlamentare, partecipando a svariate missioni all’estero. Ricordiamo le missioni ad Addis Abeba, a Ginevra, a Pechino, a Pyongyang, a Bali, a New York, a Taiwan, a Tripoli, in Vietnam, a Mosca e altri Stati europei. Nel mese di aprile 2009 si è adoperato molto a favore dei terremotati dell’Aquila, organizzando opere di beneficenza e raccolte di fondi dalla Svizzera. La FEAS (Federazione emigrati abruzzesi in Svizzera) di cui Razzi è Presidente, ha donato, tramite una raccolta di solidarietà, un pulmino alla Città di Camarda (AQ), città colpita duramente dal sisma. Nella sua ultima visita a Tripoli (dal 23 al 25 maggio 2010) ha contribuito con una serie di incontri diplomatici alla liberazione del cittadino svizzero Max Goeldi, tenuto prigioniero per circa due anni in Libia.

Antonio Razzi con le sue numerose iniziative che ha intrapreso nel tempo e per l’impegno che ha sempre dimostrato a favore della collettività italiana all’estero ha assunto un importante ruolo collaborando con tutte le forze operative presenti sul territorio e fornendo la propria specifica competenza nel campo dell’emigrazione. L’On. Razzi anche durante i lavori in Commissione non tenta di nascondere il suo attaccamento e la sua enorme stima per la Svizzera prendendo la stessa nazione come modello da imitare.

Il 6 novembre 2010 l’On. Antonio Razzi ha organizzato presso lo Stadio Adriatico di Pescara, una partita di calcio tra la squadra della nazionale parlamentare italiana e la squadra della nazionale parlamentare bulgara (tra i quali era presente anche il Primo Ministro bulgaro, On. Boyko Borissov), il cui ricavato è andato in beneficenza all’Associazione Onlus “Insieme per Camarda”.

Antonio Razzi | LE MIE MANI PULITE

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close